Home/News ed eventi/NATIONAL PLAN 2016 È IL NUOVO PIANO D’INVESTIMENTO NAZIONALE

NATIONAL PLAN 2016 È IL NUOVO PIANO D’INVESTIMENTO NAZIONALE

Microsoft presenta oggi la propria ricetta a supporto della digitalizzazione della PA Italiana, che fa leva su 5 priorità strategiche:

1.    Promuovere la cultura digitale - il cambiamento tecnologico deve associarsi a un cambiamento culturale basato sulla consapevolezza dei vantaggi del digitale e in uno scenario in cui il livello di copertura delle competenze digitali all’interno della PA si aggira solo intorno al 40%, Microsoft intende collaborare con la PA offrendo formazione e consulenza per contribuire alla diffusione trasversale di una cultura dell’innovazione che veda maggior commitment dei dirigenti e dei dipendenti pubblici ai fini del successo dei progetti ICT.

2.    Supportare l’efficienza della PA - leva strategica per recuperare efficienza in tempi di Spending Review è il Cloud Computing, ma se oltre il 60% degli enti pubblici italiani utilizza già modelli Cloud, la diffusione appare spesso frammentata e priva di strategie chiare, quindi Microsoft intende accompagnare la PA nel processo di adozione aiutandola a cogliere le opportunità offerte in particolare su due fronti: la razionalizzazione dell’infrastruttura IT puntando sull’Hybrid Cloud in una logica di flessibilità e sicurezza e l’ottimizzazione della produttività puntando sullo Smart Working per una migliore collaborazione e condivisione delle informazioni.

3.    Contribuire allo sviluppo di servizi innovativi per i cittadini– in uno scenario in cui l’eGovernment stenta ancora a decollare e solo il 30% degli italiani usufruisce dei servizi online della PA, Microsoft intende aiutare i singoli enti a sviluppare servizi a misura di cittadino facendo leva sugli attuali trend tecnologici per ottenere importanti vantaggi, come evidente in ambito Smart City ed e-Health. Considerato che l’adozione a livello di Sistema Paese di applicazioni di Smart City consentirebbe di risparmiare oltre 4 miliardi di euro all’anno, Microsoft s’impegna per promuovere la diffusione delle Smart City attraverso l’iniziativa CityNext collaborando con il proprio ecosistema di 25.000 Partner in Italia per offrire soluzioni end-to-end e dar vita a progetti in grado di migliorare la qualità della vita. Microsoft ha inoltre sviluppato un Manifesto per l’e-Health per sostenere la diffusione della sanità digitale in modo da migliorare l’accuratezza delle cure e recuperare efficienza in uno scenario in cui l’offerta completa di servizi digitali ai pazienti abiliterebbe un risparmio di oltre 5 miliardi di euro all’anno.

4.    Garantire sicurezza– in un mondo in cui Cloud, Mobility, Big Data, Social e IoT hanno cambiato il panorama della sicurezza, c’è una crescente attenzione alla Cybersecurity (+7% della spesa media con punte anche nel settore della PA e della Sanità) ma solo il 19% delle grandi realtà dispone di visione di lungo periodo e piani concreti, pertanto Microsoft s’impegna a collaborare con le istituzioni per definire framework di azione nell’interesse della sicurezza pubblica e si pone al fianco della PA come partner affidabile nell’offerta di soluzioni ICT e “Trusted Cloud” in linea con le priorità di privacy & security tipiche di enti che trattano con i dati sensibili dei cittadini.

5.    Favorire l’openness– la transizione della PA verso il digitale può essere accelerata puntando su Open Government, Open Data e Interoperabilità e Microsoft si propone di accompagnare il settore pubblico nell’adozione di questi principi in una logica di trasparenza, collaborazione estesa PA-cittadini-imprese, migliore comunicazione tra enti e valorizzazione degli investimenti ICT.

Condividi: