Programma 2016-2017

Le priorità per lo sviluppo del nostro territorio ed il nostro piano d'azione per il primo periodo

Home/Programma 2016-2017

Il Programma 2016 - 2017

 


Gli strumenti e le attività che si ipotizza di attivare nel nostro ente al fine di promuovere e monitorare l’attuazione della presente Agenda Digitale


L’approccio per la individuazione di quale azione attivare è stato il seguente: comprendere le principali esigenze e criticità del territorio e provare ad individuare una soluzione che faccia uso delle nuove tecnologie per risolvere con qualità, efficacia ed efficienza il bisogno.
Ecco dunque gli ambiti individuati come prioritari per il territorio e cosa stiamo facendo e/o pensiamo di fare nel corso del primo periodo.
 

L’efficentamento energetico smart

Molti comuni bresciani hanno la necessità di riqualificare l’impianto di illuminazione pubblica sia per sistemare i pali, i quadri elettrici ed i corpi illuminanti, sia per ridurre il consumo energetico a fronte della disponibilità delle nuove tecnologie LED che garantiscono significativi risparmi a parità di illuminazione.

La progettazione e la gestione di tale tipologia di intervento richiede però la disponibilità di competenze tecniche, amministrative e finanziarie. Va infatti predisposto un progetto tecnico di illuminotecnica e di revisione della impiantistica elettrica. Quindi serve un esame economico-finanziario e la predisposizione di una gara, in cui si voglia utilizzare il finanziamento tramite terzi, che rappresenta una esperienza tipicamente nuova nell’ente locale e quindi porta con sè un maggior livello di complessità gestionale.
 

La Centrale Unica di Committenza

Negli ultimi anni la gestione dei bilanci degli enti locali è divenuta sempre più critica per una progressiva riduzione dei trasferimenti statali ed una contrazione delle entrate. Dunque la riduzione della spesa pubblica è stato un obiettivo primario che ha spinto il legislatore a incentivare le centrali uniche di committenza per aggregare la spesa del territorio e per perseguire maggiori economie di scala.

La Provincia vuole ricercare adesso una integrazione delle esperienze locali al fine di perseguire la qualificazione di una unica centrale di committenza di area vasta ai sensi del nuovo codice degli appalti (D.Lgs. 50/2016). Lo sviluppo di una unica centrale di committenza consentirà inoltre di rendere più efficace l’azione di anticorruzione e trasparenza relativa ai procedimenti di gara al fine di garantire la migliore e corretta competizione del sistema delle imprese.
 

La progettazione europea di area vasta

In un contesto di scarsità di risorse economiche e di necessità di rilancio dell’economia locale, emerge la necessità di individuare soluzioni che consentano il finanziamento e la realizzazione di processi di cambiamento e di rinnovo della modalità di gestione della pubblica amministrazione. Diventa dunque importante per i nostri territori sapere accedere ai fondi europei per sostenere lo sviluppo delle nostre comunità. La Provincia di Brescia ha sviluppato, in collaborazione con Tecla (Associazione Nazionale pubblica di comuni e province per l’accesso ai fondi europei diretti – http://www.tecla.org), un modello per il coinvolgimento del territorio su queste politiche di sviluppo. Il SEAV (Servizio Europeo di Area Vasta) è un approccio unitario di un territorio che mira ad analizzare i progetti in corso sul territorio provinciale, comprenderne le esigenze comuni e, dopo aver effettuato il matching tra contenuti dei bandi europei ed interessi del territorio, individuare soluzioni progettuali unitarie, coerenti con le finalità e i vincoli dei bandi europei.
 

Lo sviluppo della Rete Bibliotecaria Bresciana

La Rete Bibliotecaria Bresciana (RBB) è da diversi anni ed un servizio di eccellenza riconosciuto a livello nazionale e nello stesso tempo un progetto in continua evoluzione. Oggi ci poniamo l’obiettivo di valorizzare ulteriormente questo asset, presente capillarmente sull’intero territorio, al fine di sostenere lo sviluppo socio-economico delle nostre comunità.

L’idea è di far evolvere la biblioteca in luogo non solo di accesso alla pubblica lettura ma anche di incontro tra giovani, istituzioni ed imprese. Un luogo di divulgazione della cultura dell’innovazione, delle logiche del cambiamento e degli obiettivi di sviluppo sostenibile ed inclusivo.

È evidente che occorrerà dotare la rete di nuovi strumenti tecnologici per facilitare l’interconnessione virtuale tra le comunità. Sistemi di telepresence, streaming, live tv e social network saranno evidentemente dei facilitatori per il raggiungimento dell’obiettivo strategico di rendere la Rete delle biblioteche un’infrastruttura di sviluppo delle conoscenze e di salvaguardia e diffusione delle culture locali.

La Rete Bibliotecaria Bresciana sarà uno strumento determinante per la divulgazione della cultura del digitale, del cambiamento e degli obiettivi comunitari di Europa 2020.
 

Il sistema statistico di supporto decisionale

In un contesto globale che vede l’esponenziale crescita degli oggetti connessi in rete (Internet delle Cose) non è difficile comprendere che l’enorme produzione dei dati e la conseguente necessità di estrarre e gestire le informazioni saranno tra le principali sfide dei prossimi anni. Va capito come valorizzare le banche dati esistenti e come strutturarle perché siano adeguate a sostenere il tema dei Big Data.

La Provincia cerca di individuare un percorso di Integrazione tra le banche dati provinciali e quelle comunali, ma vuole anche ricercare l’Integrazione virtuosa con le banche dati di altre istituzioni e di aziende. L’obiettivo finale è quello di creare degli strumenti statistici di supporto alle decisioni degli amministratori, ma anche delle famiglie e degli imprenditori.

Al fine di facilitare la crescita di questo sistema è necessario sostenere la definizione di protocolli di interoperabilità (open data).

In sintesi, l’obiettivo è quello di partire dalla gestione di dati statistici per evolvere gradualmente verso sistema di supporto decisionale integrato con i sistemi di produzione e trattamento dei big data.